Federica Pitea

Eccoci oggi con Federica Pitea,  energica joyner che non vede l’ora di raccontarci la sua storia.

Ciao Federica, è il momento della tua Joyner Story! Da quanti anni lavori come joyner?

“Sono passati 7 anni da quando decisi di intraprendere questa avventura e questa è la mia quinta in Samarcanda”.

Se ti dicessi SAMARCANDA, quali sono le prime 3 parole che ti vengono in mente?

“QUALITÀ – PROFESSIONALITÀ – SENSO DI APPARTENENZA”

“In questi anni ho potuto vedere con i miei occhi la qualità dell’animazione Samarcanda, puntare sempre al raggiungimento del miglior risultato in ambito artistico, organizzativo e relazionale. Il coinvolgimento di professionisti del settore è quindi il punto di partenza per poter offrire il meglio agli ospiti e per coordinare e formare nuovi joyner, ecco perché secondo me Samarcanda è sinonimo di professionalità. Last but not least, ti dico senso di appartenenza. Questa è la mia vita, la mia casa, la famiglia a cui ho scelto di appartenere. Lo dico con orgoglio, perché sono eternamente grata a Samarcanda per tutto quello che mi ha dato in questi anni e di come prende seriamente l’animazione”.

Cosa provi quando pensi a questo lavoro? Cosa ti dà la giusta carica?

“Questo lavoro mi lascia un senso di pienezza. Mi sento me stessa, una Federica completa! Ciò che mia carica di energia quotidiana è riuscire a trasmettere il mio amore per questo lavoro ad altri joyner. Saper di poter essere un modello da seguire per gli altri mi fa stare bene”.

Il tuo ricordo più bello di tutti questi anni da joyner!

“Non c’è un evento specifico che mi piace ricordare. I tuoi ricordi navigano dentro a un mare di emozioni, ognuno a modo suo è speciale. Se penso a tutti i ricordi bello che ho collezionato in questi anni, che sia una frase detta da qualcuno o un momento in particolare, il fattore comune sono le persone. Gli ospiti, i colleghi, gli amici incontrati in stagioni precedenti e che continuano a far parte della tua vita sono la chiave di tutti i ricordi. I Samdays, per esempio sono un momento magico che ti permette di rincontrare tutte queste persone e rivivere insieme questi ricordi”.

Queste relazioni che nascono in villaggio, quindi durano negli anni?

“Certamente! Queste relazioni durano perché in villaggio vivi ogni giorno emozioni fortissime. Ogni anno è un’esperienza speciale, passi le giornate a contatto con queste persone per mesi e alla fine di conoscersi da sempre, come nelle amicizie di lunga data”.

Se potessi dire qualcosa alla Federica Pitea di qualche anno fa, prima di Samarcanda, cosa le diresti? Cosa vuoi dire a tutti quei giovani che stanno pensando di vivere questa esperienza in futuro?

“Le direi di candidarsi di nuovo. Fare questo lavoro è stata la scelta migliore che potessi fare in questo momento della mia vita. Sono cresciuta tanto in questi ultimi anni. La vita in villaggio ti aiuta a costruire la tua persona, forgia il tuo carattere, ti aiuta a capire come stare al mondo, ti insegna il rispetto per i tuoi superiori e per gli ospiti e ti approccia al mondo del lavoro, quindi a rispettare orari, regole e scadenze. In sintesi getta le basi della tua vita. Quindi a tutti i giovani che hanno intenzione di intraprendere questo percorso gli dico: fatelo, che sia per la vita, per una o poche stagioni, perché non ve ne pentirete. Ah! E ovviamente fatelo con Samarcanda”.

Grazie Federica, buona stagione piena di gioia!

Se hai sempre sognato la vita di chi lavora nell’animazione e hai voglia di vivere grandi emozioni, fai come Federica!
Non perdere l’occasione di vivere un’esperienza unica come joyner e trascorrere un’estate indimenticabile che ti permetterà di crescere.
Scopri cosa vuol dire essere joyner e le figure che cerchiamo. Scopri anche tutte le destinazioni in cui potresti vivere quest’esperienza unica!

DIVENTA JOYNER