giuseppe forte

Eccoci con Francesco Russo, detto Ciccio, pronto a raccontarci la sua strepitosa carriera come joyner e capo equipe Samarcanda!

Ciao Ciccio! Un veterano come te non poteva mancare tra le Joyner Stories! A che stagione sei come joyner?

Sono joyner dal 2008! Questa è la mia 16esima stagione in Samarcanda considerando sia quelle estive che quelle invernali!

Come ti sei avvicinato a questo lavoro?

Ho sempre vissuto l’animazione come ospite del villaggio turistico. Sin da piccolo mi ha sempre affascinato questo mondo e sognavo di essere io stesso animatore. Fortunatamente col tempo sono riuscito a farlo diventare il mio lavoro e a costruire una carriera piena di soddisfazioni.

Se ti dicessi SAMARCANDA, quali sono le prime 3 parole che ti vengono in mente?

DIVERTIMENTO – CRESCITA – PROFESSIONALITÀ

Il divertimento è una di quelle cose che non può mai mancare. “Divertire divertendosi” mentre si svolge il proprio lavoro è fondamentale. Quando si parla di divertimento e spettacolo Samarcanda rappresenta un’eccellenza ed è sinonimo di professionalità in questo settore.

Cosa significa per te questo lavoro e in generale essere un joyner?

Per me questa professione rispecchia a pieno il detto “fai quello che ti piace e non lavorerai un solo giorno della tua vita”. Mi sento davvero fortunato perché faccio il lavoro che mi piace e spero che la mia carriera duri ancora a lungo.

Attualmente sei capo equipe. Come ti trovi in questo ruolo e come vivi il rapporto con i ragazzi del tuo team?

Mi trovo molto bene nel ruolo di capo equipe. Io e il mio team abbiamo un rapporto speciale, per me loro sono come dei fratelli minori a cui insegnare e trasmettere la mia passione, oltre ovviamente a lasciargli un bel ricordo di me e della stagione passata insieme.

Il ricordo più bello di tutti questi anni da joyner?

Il ricordo più bello è il primo ferragosto passato da capo equipe, un giorno significativo e impegnativo per chi lavora in un villaggio turistico. Già il fatto di essere diventato capo di una squadra è stato un traguardo importantissimo per me; in più mi sono trovato a vivere l’emozione del ferragosto dal lato dell’organizzazione, meno da protagonista nei giochi e nelle varie attività. Tuttavia mi ha riempito d’orgoglio il fatto di aver portato per la primissima volta la mia equipe a un’importante traguardo. Un desiderio che si è avverato.

Cosa consiglieresti a un ragazzo senza esperienza che è indeciso sull’intraprendere o meno questa avventura professionale?

Gli direi di mettersi in gioco, senza darsi troppe limitazioni e senza mettere dei paletti ai propri sogni e al proprio futuro. È un’esperienza da vivere, senza ombra di dubbio!

Grazie Francesco, un saluto e un grande in bocca al lupo per la tua strepitosa carriera!

Se hai sempre sognato la vita di chi lavora nell’animazione e hai voglia di vivere grandi emozioni, fai come Francesco!
Non perdere l’occasione di vivere un’esperienza unica come joyner e trascorrere un’estate indimenticabile che ti permetterà di crescere.
Scopri cosa vuol dire essere joyner e le figure che cerchiamo. Scopri anche tutte le destinazioni in cui potresti vivere quest’esperienza unica!

DIVENTA JOYNER