samantha_chiappucci

Oggi abbiamo intervistato Samantha Chiappucci, responsabile hostess Samarcanda, fantastica joyner che con il suo sorriso, da qualche anno, contagia tutti gli ospiti dei villaggi che illumina con la sua energia.

Ciao Samantha! Ormai sei una super Joyner! Grazie per dedicarci qualche minuto, abbiamo preparato qualche domanda per te!  Sei pronta?
“Ciao! Sì, che emozione, prontissima a rispondere!”

Sei in Samarcanda ormai da qualche anno, a che stagione sei? Cosa provi quando pensi a questo lavoro?
“Allora, faccio come gli influencer si Instagram che iniziano tutte le storie dicendo ‘allora’”

😂😂

“Allora, questa è la mia sesta stagione. Quando penso a questo lavoro mi viene il mal di pancia. In senso positivo ovviamente! Sì, perché è un lavoro magico, ogni anno, arrivo a fine stagione che inizio già a fare il conto alla rovescia per quella successiva. È un lavoro fatto di mille emozioni, che gli donano quella unicità che da nessun’altra parte si può trovare.”

Se ti dicessi SAMARCANDA: quali sono le prime 3 parole che ti vengono in mente?
“EMOZIONE – PROFESSIONALITÀ – PASSIONE”
“Come ho già detto, rischio di essere ripetitiva, ma è la verità. Le emozioni che regala questa professione non hanno eguali. In mezza giornata può succedere di tutto, un momento sorridi e quello dopo piangi, è una sensazione fantastica, insomma un turbine costante di emozioni belle e a volte un po’ meno, ma che creano la magia della stagione e dell’essere joyner. Professionalità, fin dall’inizio quello è quello che mi ha trasmesso Samarcanda, e in tutti questi anni lavorando con loro ne ho avuto la conferma. Passione. Per quello che faccio, per la danza e il palco, che sono il mio mondo, mettendoci l’anima. Più vado avanti in questo lavoro, più scopro nuove sfaccettature dell’essere joyner che accrescono l’amore per questa professione, facendomi capire di essere sulla strada migliore.”

Il tuo ricordo più bello di tutti questi anni da joyner!
“Ne ho tanti! È davvero difficile dover scegliere!”… Attendiamo la sua risposta in silenzio, pronti a trascrivere ogni parola e dopo un po’… “I Samdays 2018! Il mio ricordo più bello è la sorpresa e il regalo più grandi che Samarcanda potessero farmi. Ho vinto il BEST, il premio che Samarcanda assegna al miglior joyner della stagione in ogni villaggio. Non me l’aspettavo, un’emozione immensa.”

Fantastico! Davvero, sei così orgogliosa di questo traguardo?
“Beh, insomma, per me è come se quello fosse stato il MIO SAMDAYS. Le emozioni che ho provato, tra il premio come BEST e il riconoscimento della SPILLA, sono indescrivibili. Ho raggiunto il mio traguardo. Quando ho iniziato questa avventura, non immaginavo proprio di esser qui, dove sono ora a raccontare la mia storia. Tutto è iniziato solo per provare una nuova esperienza, per poi tornare al mondo della danza e calcare palchi differenti. Sul palco sono rimasta, e questo lavoro mi ha appassionata sempre di più e anche come joyner sono rimasta. Il mio secondo obiettivo era arrivare alla spilla, ma ora non posso più smettere. Questo lavoro fa parte di me e ne sono super orgogliosa.”

Ogni anno, è un’esperienza diversa, cambia il villaggio, cambiano i colleghi, con quanti di loro a fine stagione si diventa davvero amici? Queste relazioni durano negli anni?
“In questi anni ho lavorato in 3 villaggi differenti, sempre in equipe molto grandi. In queste circostanze è davvero difficile stringere amicizia con tutti. Ci sono però quei legami, fortissimi, che restano e si rafforzano anno dopo anno. Ho la fortuna di poter dire di avere amici in tutta Italia, e quando vivi un’esperienza come questa, insieme, tutti i giorni, i legami vanno oltre le distanze. Pensa, ho ancora un gruppo WhatsApp con tutti i membri dello staff del 2014, la mia prima stagione, ci sentiamo spesso e quando si riesce non si perde l’occasione di organizzare un’uscita inseme.
Inoltre, un’altra cosa fantastica, non è solo il legame che si crea con gli altri joyner, ma anche con gli ospiti del villaggio. Questa è la vera bellezza, e ciò che rende magico questo lavoro.”

Un’ultima domanda e poi possiamo lasciarti libera!
Se potessi dire qualcosa alla Samantha Chiappucci di qualche anno fa, prima di Samarcanda, cosa le diresti? Come vedi la Samantha di oggi nel futuro?
“Wow. Alla Samantha di sei anni fa sicuramente direi: NON ESITARE: CANDIDATI!”
Ride.
“Le direi di buttarsi in questa esperienza fantastica, senza alcuna esitazione, assaporandone ogni istante, perché le permetterà di crescere come persona, ma anche professionalmente. Ho iniziato pensando di fare una sola stagione, e sono ancora qui. Oggi sono responsabile hostess, e non me lo sarei mai aspettato. Il futuro non so cosa mi riserverà, ma di una cosa sono certa, se guardassi la Samantha di domani sono certa che riscoprirei lo stesso sorriso e la stessa voglia puntare sempre in alto godendosi ogni istante, perché in fondo, come dice il Liga ‘ il meglio deve ancora venire!”

Grazie Samantha, per il tuo sorriso, la tua disponibilità e la fantastica testimonianza che ci hai regalato. Sei una Joyner Hero speciale, in bocca al lupo per questa stagione!

Se hai sempre sognato la vita di chi lavora nell’animazione e hai voglia di vivere grandi emozioni, segui il consiglio di Samantha: CANDIDATI!
Non perdere l’occasione di vivere un’esperienza unica come joyner e trascorrere un’estate indimenticabile che ti permetterà di crescere.
Scopri cosa vuol dire essere joyner e le figure che cerchiamo. Scopri anche tutte le destizioni in cui potresti vivere quest’esperienza unica!

DIVENTA JOYNER